Immergersi nella natura dei giardini Villa della Pergola

bambini giardini villa della pergola alassio

 

Varcare i cancelli di Villa della Pergola è come prendere la macchina del tempo e catapultarsi in una dimora inglese di inizio Novecento: un giardino elegante con una vista mozzafiato sul golfo di Alassio, circonda una villa coloniale oggi relais, con 15 suites e un ristorante stellato. Un’atmosfera sospesa, una bellezza rara che si percepisce già dal punto di ritrovo della nostra visita guidata.

Alle 11.30 di una domenica di un luglio bollente siamo stati affidati per un’ora e mezza alle parole di Davide, giardiniere dei Giardini di Villa Pergola e cicerone, innamorato (e come dargli torto) del suo luogo di lavoro e profondo conoscitore delle specie di piante che occupano questo lussureggiante parco storico.

 

bambini a villa della pergola

Villa della Pergola: da ieri a oggi

Il Parco nacque nella seconda metà degli anni settanta dell’Ottocento dal desiderio del Generale Montagu McMurdo e di sua moglie Lady Susan Sarah Napier di realizzare una dimora privata per trascorrere la stagione invernale e la primavera in Riviera.

Il Generale McMurdo trasformò quello che in origine era un podere agricolo ligure di campagna in un vero e proprio parco di piacere, introducendo molte piante ornamentali e alcune balaustre in terracotta per delimitare i punti panoramici di maggior pregio.

Nei vari passaggi di proprietà successivi, le piantumazioni aumentarono in modo consistente e il parco della Villa iniziò ad avere una certa fama, ma fu solo nel 1922 che il nuovo proprietario divenne Daniel Hanbury, uno dei figli di Sir Thomas Hanbury notissimo in riviera per gli omonimi giardini Hanbury , iniziò un’opera di sistematico arricchimento delle collezioni di piante presenti nel Parco, facendo trasportare ad Alassio magnifici esemplari di palme washingtonie, dactilifere, canariensis e azzurre, oltre alle cicas messicane, una collezione di cactacee, agavi e aloe provenienti dal giardino di Ventimiglia.

Ci fu così un ventennio di splendore dei giardini, bruscamente interrotto dalla seconda guerra mondiale e dalla morte del proprietario che li vide inselvatichirsi.

Soltanto nel 2006 grazie a una cordata di amici guidata da Silvia e Antonio Ricci (noto autore televisivo), la Villa venne acquistata ad un’asta giudiziaria e finalmente riportata al suo splendore originario, sotto l’appassionata direzione dell’architetto paesaggista Paolo Pejrone.

Oggi ci troviamo davanti 22 mila metri quadrati di parco con pini marittimi, mirti, carrubi, ulivi, mandorli, cipressi, cedri del Libano, lecci ed una sorprendente collezione di agrumi sapientemente messi a dimora vicino a jacarande, araucarie, tra cui la Wollenia Nobilis, strelizie giganti, diksonie, palme, cactacee provenienti da ogni latitudine.

Tra le fioriture più belle della Liguria

Ma il vero fiore all’occhiello dei Giardini sono le fioriture di due importanti collezioni botaniche: quelle dei glicini (34 varietà per la più importante collezione italiana) e quelle degli agapanthus (500 specie diverse). “Da due anni, purtroppo, ci racconta Davide, non siamo aperti durante la fioritura dei glicini a causa del Covid, ma ci impegneremo al massimo per farvene godere una eccezionale la prossima primavera”.

Nel frattempo, in questo periodo, sono in pieno blooming gli agapanthus, altresì detti “fiori dell’amore” (dal greco agaphe), nelle loro varietà bianche e viola con sfumature azzurre, un vero spettacolo della natura di cui abbiamo potuto godere nella nostra passeggiata.

Abbiamo attraversato anche una piantumazione di cactacee e una di agrumi, alcuni di dimensioni ragguardevoli che tanto sono piaciuti ai bambini. Il percorso in un luogo così bello, pacifico e variegato, dove si possono incontrare statue di putti ricoperte da fogliame e laghetti di ninfee, li ha coinvolti dall’inizio alla fine e si sono divertiti a fare domande al paziente Davide che ha fatto loro scoprire anche un drago nascosto

 

giardini alassio

Esperienze didattiche a Villa della Pergola

Per i più piccoli, inoltre, i Giardini di Villa della Pergola organizzano una serie di attività didattiche e di esperienze formative. Nadia Nicoletti, esperta di didattica orticola, ha curato, infatti, il progetto “Giardini in Villa”: uno spazio d’informazione, di apprendimento e di sperimentazione che attraverso il saper fare e il giardinaggio sostenibile forma le nuove generazioni e sensibilizza sulla bellezza, sulla salvaguardia dell´ambiente e sulla cura delle piante. 11 workshop stagionali della durata di due ore e mezza ciascuno rivolti alla scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado dai nomi accattivanti “Ne facciamo di tutti i colori”, “Naturalmente belli”, “Il mondo delle palme” , “I sensi e le piante” sono solo alcuni dei laboratori a cui le scuole possono prendere parte da marzo a ottobre (con sospensione del periodo estivo).

Spoiler! La visita si conclude con l’attraversamento della “pergola” da cui i giardini prendono il nome, una scalinata di marmo bianco interamente avvolta da piante dal sentore tropicale e da glicini ora verdi ma ugualmente pittoreschi, tra il fogliame si intravede il mare, un’esperienza davvero magica e sognante che dovete aggiungere alla vostra to do list

bambino giardino pergola

Informazioni e prenotazioni su Villa della Pergola:

I Giardini di Villa della Pergola sono aperti tutti i giorni, ad esclusione del lunedì, da marzo a ottobre.
Ingresso solo con visite guidate su prenotazione.
Accessibile ai disabili.

Orari: 9.30 – 11.30 – 15.00 – 17.00

La visita dura circa 90 minuti.

Emergenza COVID: Gruppi da massimo 20 persone. Si prega di arrivare muniti di mascherina che dovrà essere indossata per tutta la visita. L’entrata è consentita 10 minuti prima dell’orario della visita.

Prezzi:
€15 per adulti
Biglietto ragazzi dai 6 ai 14 anni: 6,00 euro
Ingresso 0-6 anni: gratuito

Dove:
Via Privata Montagu 9, Alassio

Contatti:
Tel : (+39)0182.646130
info@giardinidivilladellapergola.com
Sito internet

Quella di Villa della Pergola è una delle fioriture più belle della Liguria delle quali vi avevamo già parlato in primavera. Se siete appassionati di giardini imperdibili sono i Giardini Hanbury a Ventimiglia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*