Cerca

Passeggiata sui forti di Genova con i bambini

papà e bambino forti
Conoscete i Forti di Genova? Sono uno dei grandi classici delle gite domenicali liguri con i bambini: caratteristiche fortificazioni sulle alture che noterete da ogni angolo della città, facilmente raggiungibili in macchina,  con percorsi alla portata di tutti e una vista incredibile sulla città e la costa.

Scoprire i Forti di Genova

Camminare fa bene al corpo e alla mente, ma non sono necessari sempre tanti chilometri oppure ore di fatica, a volte basta anche una passeggiata poco impegnativa.

Inoltre a volte (spesso ultimamente) non si può andare troppo lontano da casa, vuoi per le regole (zona arancione, zona gialla… no, in zona rossa non si può uscire e basta!) oppure perché si ha poco tempo.

In tutte queste situazioni ci aiutano le passeggiate sulle alture delle nostre città. Vi abbiamo già parlato della bellissima passeggiata sull’acquedotto storico di Genova, che regala sempre molta soddisfazione, ma il grande classico per i genovesi è la gita ai forti.

Negli ultimi mesi l’abbiamo fatta due volte, la prima appena finito il lockdown a fine maggio e la seconda nelle vacanze di Natale, in uno dei pochi giorni in cui era permesso.

vista dai forti di genova trekking famiglie

I forti di Genova con i bambini

I forti genovesi sono una serie di fortificazioni di carattere militare che vennero costruiti sulle alture che circondano la città tra il XVII e il XIX secolo per difendere e sorvegliare la città dall’alto.

I forti registrati a Genova sono 17 e sono tutti raggiungibili da diversi punti della città.

Vi proponiamo un paio di itinerari che per ora abbiamo testato, ma aggiorneremo l’articolo man mano che ne faremo altri e se invece avete subito voglia di scoprirne altri vi invitiamo a seguire il profilo Instagram di Che Forti e Forti di Genova chiedere magari un consiglio direttamente a loro!

forti di genova con i bambini

Sui Forti di Genova: salita ai due Fratelli

No, non stiamo parlando di due bambini dispettosi ma due dei forti genovesi.

Noi, per comodità rispetto a dove abitiamo, abbiamo iniziato il percorso da Begato e vi assicuriamo che è molto meno frequentato rispetto ai più gettonati percorsi carrabili che partono dal centro città.

Per cominciare bisogna raggiungere il vecchio paese di Begato. Se non siete pratici tranquilli, vi guidiamo noi. Uscite al casello autostradale di Bolzaneto e attraversatelo tutto, in direzione Genova. Terminata Bolzaneto vi troverete in un punto con un benzinaio a destra e uno a sinistra e poco dopo un semaforo. Lì a sinistra inizia Via Maritano: prendetela e continuate a salire fino in cima alla collina. Capirete di essere arrivati quando vedrete sulla destra una chiesa. A questo punto voi invece imboccate la seconda strada a sinistra (Via P. Negrotto Cambiaso) e proseguire per circa 5/7 minuti in macchina (tenete la destra). La strada carrabile finisce proprio nella piazzetta dell’originale abitato di Begato. Posteggiate da quelle parti.

Per avere più a portata di mano tutto il tragitto vi lasciamo questo link

Il sentiero parte dalla piazza, con una salita mattonata a sinistra.
Non vi preoccupate, il pezzo più ripido è all’inizio, poi il resto è molto più dolce.
Il sentiero è segnalato e passa per tutto il primo tratto prima tra le case (Via Superiore Begato) e poi arrivati a un incrocio (con Via Lorenzo Casanova) inizia il sentiero con una salita nel bosco.

Il resto è tutto così, piacevolmente nel bosco, perfetto anche in una giornata di calda primavera.

A un certo punto vedrete un castello sopra di voi e quello è il Fratello Minore. Potete allora decidere se salire dritti, strada più veloce ma più ripida, oppure proseguire in un falso piano andando oltre per poi tornare indietro. Noi con Tommaso abbiamo scelto la seconda, avremo forse allungato di un quarto d’ora ma il sentiero era più semplice.

Così facendo, andando in direzione di quello che è Forte Puin, a un certo punto arriverete ad uno spiazzo dal quale ritornare indietro per un altro sentiero.

Prima di arrivare al Minore però passerete proprio vicino al Fratello Maggiore – bisogna però un po’ riconoscerlo – perchè di questo Forte, un tempo ovviamente più grande, oggi non rimane quasi più niente se non un bel punto panoramico.

Fratello Minore invece – 10 minuti di distanza circa – è molto più bello e scenografico e permette sia di circumnavigarlo sia di entrare dentro.

Noi, arrampicandoci un po’ su un muretto, siamo entrati e abbiamo fatto il nostro pic nic sulla terrazza della fortificazione.

Punto imperdibile: appena superato Fratello Maggiore, in direzione del Minore, sulla destra si staglierà la sagoma del più scenografico dei Forti, Forte Diamante, con la sua struttura molto particolare e la caratteristiche strada serpeggiante per raggiungerlo. Bellissimo!

famiglia forti genova

Da Forte Begato a Forte Puin

Se siete con bambini molto piccoli e non volete rinunciare alla gita ai forti, questa è una camminata per raggiungere i Forti di Genova più facile e più vicina al centro città… ma sicuramente per questo molto più frequentata.

Noi abbiamo avuto l’accortezza di andare in un giorno infrasettimanale di tempo nuvoloso, quindi abbiamo incontrato davvero poca gente, la situazione ideale per godersi una passeggiata.

Per raggiungere Forte Begato, anche se il nome può ingannare, non dovete ritornare a Begato paese come nel percorso precedente, ma partite da Piazza Manin.

(se vi serve il link al tragitto con la macchina eccolo qui!)

Arrivati finalmente nei pressi del piazzale di Forte Begato troverete quasi sicuramente un posto per la macchina e da lì potete cominciare la vostra camminata. L’ingresso al percorso si chiama Cancello dell’Avvocato a poche decine di metri di distanza, vicino all’area attrezzata per il pic nic.

Il percorso è in piano o leggera pendenza, quindi non troverete grandi difficoltà a percorrerlo.

Prima passerete accanto a Forte Begato, poi dopo circa una mezzoretta Forte Sperone e infine Forte Puin, per raggiungere il quale dovete semplicemente salire per qualche minuto su una salita e una successiva scalinata.

Se volete potete continuare e da qui raggiungere anche i due fratelli, altrimenti potete tornare indietro.
Il totale del percorso (A/R) è di circa 5 km, quasi tutto coperto dalla vegetazione, quindi adatta anche nella bella stagione.

Forti di Genova con i bambini: una bella passeggiata… in sicurezza

Come avrete capito sono due i fattori che rendono quella ai Forti la gita più gettonata a Genova: è facile e la vista panoramica è incredibile. Da ognuno dei forti si può ammirare la città dall’alto con una vista molto ampia che da Nervi a Pra e con i bambini potete fare il gioco di provare a riconoscere magari qualcuno dei monumenti di Genova, la cattedrale, la Lanterna o un edificio particolare…

Solo un’ultima raccomandazione per la sicurezza.
Questo vuole essere un suggerimento per passeggiare intorno e tra i Forti, non per visitarli.
Alcuni sono accessibili al pubblico, altri no. Tutti sono in sicurezza – cioè non vi crolleranno in testa – però non ci sono balaustre nè sono state fatte modifiche per renderli più accessibili.

Quindi tenete sempre sotto controllo i bambini, non fate cose imprudenti e valutate bene la situazione (n.b.: ovviamente se arrivate a un Forte e trovate il cancello chiuso… vuol dire che non si può entrare!).

bambino forti genova

Vi è piaciuta la nostra gita ai forti di Genova? Sapete che Adaxio Experience organizza delle bellissime escursioni in gruppo con bontà a km zero? Scopriteli QUI!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*